Maria è stata assunta in Cielo?

Maria ha condotto una vita senza peccato e quindi è stata assunta in cielo

21826c77d6bbcd9fc93515a152044382[1]Chi lo dice che Maria abbia condotto una vita senza peccato? La Bibbia dice il contrario, cioè che “tutti hanno peccato e sono privi della gloria di Dio” (Romani 3:23) e che “non c’è nessun giusto, neppure uno” (Romani 3:10).

Nella Chiesa orientale, l’Assunzione di Maria cominciò ad essere diffusa nel 700 d.C. Si è poi gradualmente diffusa in Occidente, dove divenne nota come la festa dell’Assunzione. Nel 1400 la maggioranza dei teologi cattolici accettava il dogma dell’Assunzione. Tuttavia, tale dottrina non è diventata un articolo di fede ufficiale fino ai tempi recenti, quando Papa Pio XII lo dichiarò dogma della fede cattolica: “L’Immacolata Madre di Dio, la sempre Vergine Maria, quando terminò il corso della sua vita terrena, fu assunta anima e corpo nella gloria celeste” (Munificentissimus Deus, Papa Pio XII, 1950).

Non è insegnato nelle Scritture

Gli autori cattolici ammettono che il dogma non è esplicitamente insegnato nella Scrittura. Nel racconto biblico le ultime tracce di Maria le troviamo in Atti 1, dove la si trova a pregare con gli altri discepoli prima della Pentecoste. Dopo di che, la Bibbia tace sulla sua vita e sulla sua morte.

Naturalmente i cattolici dicono che ci sono alcuni appigli nelle Scritture che possono dimostrare che Maria sia stata assunta in cielo. Questi sforzi però sono come arrampicarsi sugli specchi.

Consideriamo alcuni esempi:

Genesi 3:15 – “E io porrò inimicizia tra te e la donna, tra la tua stirpe e la sua stirpe: essa ti schiaccerà  il capo, e tu tu insidierai il calcagno“. Si sostiene che Maria, fosse intimamente associata con lui in quella lotta contro il nemico infernale che, come preannunciato nel Vangelo, sarebbe finalmente risultata vittoriosa sul peccato e sulla morte. Notiamo, tuttavia, che è il seme, Gesù, NON la donna, che ha schiacciato la testa del serpente. La sua risurrezione è il segno sicuro del trionfo del Messia sul Diavolo. Insieme a tutti i cristiani, Maria beneficerebbero inoltre di una vittoria di Cristo secondo il piano di salvezza di Dio alla “resurrezione della vita.” Questo è ancora un evento futuro.

Luca 1:28“L’angelo, entrato da lei, disse: «Ti saluto, o favorita dalla grazia; il Signore è con te»“. E continua in Luca 1:42: «Benedetta sei tu fra le donne, e benedetto è il frutto del tuo seno!“. Si dice che l’Assunzione corporea sia l’effetto naturale di essere altamente favorite o piena di grazia. Tuttavia, la stessa parola tradotta “piena di grazia” (in greco, charitoo) è applicata a tutti i credentiin Efesini 1:06. Eppure, nessuno si sogna di dire che ogni credente dovrebbe essere assunto corporalmente in cielo subito dopo la morte!

Apocalisse 21:1 – “Poi un grande segno apparve nel cielo: una donna rivestita del sole, con la luna sotto i piedi e una corona di dodici stelle sul capo”. Un autore cattolico scrive: “l’incoronazione di Maria, implica la sua precedente assunzione corporea.” Egli, erroneamente, dà  per scontato che questa “donna” sia Maria e ignora i problemi di una interpretazione del genere. Ad esempio, la donna dell’Apocalisse “era incinta, e gridava per le doglie e il travaglio del parto.” (Apocalisse 12:2); che i cattolici credono che sia Maria che “diede alla luce suo Figlio senza dolore” Come ha affermato Papa Alessandro III (Virgin interamente Marvelous, Peter Brookby, ed., La Stampa Ravengate, 1981). Ma i primi Padri della Chiesa identificato la donna con la Chiesa, non Maria. E la chiesa nella Bibbia e simbolicamente, è sempre stata “una donna” la sposa di Cristo.

Nessuno di questi versi effettivamente dimostrano l’assunzione corporea di Maria. Come Papa Pio XII ha commentato: “Spesso ci sono teologi e predicatori che, seguendo le orme dei santi padri, furono piuttosto liberi nella loro interpretazione di eventi e di espressioni prese dalla Sacra Scrittura, per spiegare la loro credenza nell’Assunzione“.

Non è insegnato dai Padri della Chiesa
Epifanio

Epifanio

L’Enciclopedia Cattolica ammette che le prime “vere” referenze scritte sull’Assunzione di Maria provengono da autori che hanno vissuto tra il 700 d.C all’anno 1000:

Se consultiamo gli scritti in Oriente, l’Assunzione è menzionata nelle prediche di S. Andrea di Creta, S. Giovanni Damasceno, San Modesto di Gerusalemme e altri. In Occidente, San Gregorio di Tours (De gloria mart., I, iv) la cita per primo. [2]

San Gregorio visse nel sesto secolo, mentre san Giovanni Damasceno appartiene alla ottavo. Così per molti secoli nella Chiesa primitiva, non vi fu alcuna menzione dai Padri della Chiesa circa l’Assunzione corporale di Maria. Ireneo, Girolamo, Agostino, Ambrogio e gli altri Padri della Chiesa non dissero nulla a riguardo. Nel 377 dC padre Epifanio afferma che non si sa fine avesse fatto Maria. [3]

Venne prima insegnato dagli eretici

Quindi, come ha fatto a saltar fuori questo insegnamento che è assente nelle Sacre Scritture e nella tradizione della Chiesa primitiva? La convinzione di ipotesi si basa sugli scritti apocrifi e spurie.

La fede nella corporea assunzione di Maria è fondata sul trattato apocrifo De Obitu S. Dominae, che porta il nome di San Giovanni, che appartiene comunque al quarto o quinto secolo. Si trova anche nel libro De Transitu Virginis, falsamente attribuito a San Melitone di Sardi, e in una lettera falsa attribuita a St. Denis l’Areopagita. (Enciclopedia Cattolica).

Il primo autore della chiesa che accennò all’Assunzione, Gregorio di Tours, basò il suo insegnamento sul Transitus, forse perché l’accettò come vero e proprio. [4] Tuttavia, nel 459 dC Papa Gelasio emanò un decreto che condannava e respingeva ufficialmente il Transitus insieme a diversi altri scritti eretici. Papa Ormisda riaffermò questo decreto nel sesto secolo. [5] É buffo notare come questo insegnamento considerato eretico dai Padri dela Chiesa fu poi promosso in seno alla Chiesa Cattolica fino alla fine, e fu proclamato dogma solo nel ventesimo secolo.

Implicazioni

a) La Chiesa Romana avverte solennemente che “chiunque osasse volontariamente negare o mettere in dubbio ciò che abbiamo definito (cioè l’Assunzione), bisogna fargli sapere che viene allontanato completamente dal divino e dalla fede cattolica” (Munificentissimus Deus). Come potrebbe questo dogma così importante, visto che era sconosciuto nella Chiesa primitiva, e anche condannato da alcuni papi, ora essere il più importante, dal momento che è assente dalle Sacre Scritture? Alcuni si sono effettivamente allontanati dalla fede cattolica. Gli apostati sono coloro che hanno inventato questa dottrina romanzesca. I fedeli sono coloro che, insieme con i primi cristiani, sono rimasti fermi nel sostenere la fede del Nuovo Testamento.

b) In teoria, la Chiesa Romana insegna che:

  • Il sacro deposito della fede (la Parola di Dio) è contenuta nella Sacra Scrittura e nella Tradizione.
  • Il Magistero fornisce un’interpretazione autentica della Parola di Dio, ma non aggiunge nulla ai suoi contenuti.

Gli apostoli affidarono il ‘sacro deposito’ della fede (il depositum fidei), contenuta nella Sacra Scrittura e nella Tradizione, a tutta la Chiesa… Il Magistero insegna soltanto ciò che è stato trasmesso da essa … Tutto ciò che propone di credere come divino e rivelato è tratto da questo unico deposito della fede » (Catechismo, 84-86).

In pratica, Roma insegna dottrine che non sono tratte dal deposito della fede. Abbiamo visto che l’Assunzione non si trova né Scrittura né nella tradizione della chiesa primitiva. Certo, se questa dottrina fosse stata trasmessa dagli apostoli ai vescovi della chiesa primitiva, ci aspetteremmo di trovare almeno alcuni riferimenti ad essa nei voluminosi scritti dei Padri. Ma su questo argomento c’è totale silenzio.

Se sei un cattolico, chiediti se la tua fiducia implicita nel magistero romano sia giustificata. Il magistero pretende di spiegare la Parola di Dio, ma almeno in questo caso, è andato ben oltre il suo ruolo. Si tratta di inventare nuove dottrine al di là  della Parola di Dio. Attenzione! Si può anche essere convinti che la propria fede sia costruita su una solida roccia, quando in realtà , si è nelle sabbie mobili.

c) la teologia cattolica ha esaltato Maria portandola fino all cielo, ed è quindi naturale che i cattolici si rivolgano a lei per i loro bisogni spirituali.

O dolcissima Signora e Madre nostra, tu hai già  lasciato la terra e raggiunto il tuo regno, dove, come Regina, tu sei trono … Dal trono alto, poi, a cui tu sei esaltata, volgi, o Maria, il tuo sguardo compassionevole su di noi, e la pietà  su di noi. (Dell’Assunzione di Maria, S. Alfonso de ‘Liguori).

Nonostante le loro proteste in senso contrario, la verità  triste è che tale devozione mariana toglie la semplice fede e devozione al Signore Gesù Cristo. La Scrittura parla esplicitamente di Gesù, che avendo vissuto una vita senza peccato, è morto per i peccatori, fu sepolto e risuscitato dai morti, e dopo quaranta giorni salì al cielo, dove Egli regna nella gloria, intercedendo per il suo popolo. La compassione e la pietà , si trova solo quando facciamo ricorso al Signore Gesù.

Perciò egli può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio, dal momento che vive sempre per intercedere per loro. Infatti a noi era necessario un sommo sacerdote come quello, santo, innocente, immacolato, separato dai peccatori ed elevato al di sopra dei cieli. (Ebrei 7:25-26).

Note di chiusura

[1] “Dal momento che l’Immacolata Concezione e l’Assunzione non sono espressamente indicate nella Scrittura, i fondamentalisti concluderanno che sono false dottrine“. Immacolata Concezione e l’Assunzione; Risposte cattoliche.

[2] San Gregorio di Tours, vissuto nel 6° secolo, S. Andrea di Creta, S. Modesto di Gerusalemme vissuto nel 7° secolo, S. Giovanni Damasceno vissuto nel secolo ottavo.

[3] “Ma se qualcuno pensa che noi sbagliamo, lasciate che parlare le Scritture. Essi non troveranno la morte di Maria … nessuno conosce la sua fine” (Epifanio, Panarion, Haer. 78,10-11, 23. Citato da Carol Juniper, OFM, la mariologia, vol. II, pp. 139-40).

[4] “Il primo autore di Chiesa a parlare dell’ascensione corporale di Maria, in associazione con il Transitus apocrifo, è san Gregorio di Tours” (Ludwig Ott, Fundamentals of Catholic Dogma (Rockford: Tan, 1974), pp. 209 – 210).

[5] Webster, W; Marian Dogmas in The Church of Rome at the Bar of History; Banner of Truth Trust, 1995; pp. 81-85.

Chi va oltre e non rimane nella dottrina di Cristo, non ha Dio. Chi rimane nella dottrina, ha il Padre e il Figlio. (2Giovanni 9)