Il Codice Vaticano o Codice B

Il codice Vaticano, è un codice in pergamena ed è così chiamato in quanto, fin dal 1475, appare nel catalogo della Biblioteca Vaticana (con il numero 1209). Gli studiosi pensano che il luogo di origine del testo sia l’Egitto, nel secolo IV.

Il Codice Vaticano è scritto in unciale. Comprende attualmente un totale di 759 fogli (617 fogli per il solo AT). Ciascun foglio misura cm. 27×27. Il testo su ciascuna pagina è organizzato in tre colonne di 40 righe ciascuna, con 16-18 lettere per rigo.

Nei libri poetici il testo è diviso in versi, su due colonne. Tutte le lettere sono di uguale grandezza ed in “scriptio continua”, ma a volte la prima lettera di una sezione si allunga verso il margine del foglio. Il codice appare mutilo e con fogli di rimpiazzo presi da altri manoscritti. La situazione delle pagine è la seguente: i primi 20 fogli (Genesi 1, 46-28) sono andati perduti, allo stesso modo una parte del foglio 178 (2Re 2, 5-7, 10-13) e 10 fogli dopo il 348 (Salmi 105, 27- 137, 6), oltre ad un imprecisabile numero di fogli dopo l’ultimo libro del codice, contenente, probabilmente, qualcuno dei Padri apostolici. Gli scritti dei profeti minori precedono quelli dei profeti maggiori.

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetta Leggi di più