L’Era Pre-Cristiana: la Samaria

La Samaria è costituita dalla parte centrale della Palestina: è un’area geografica molto grande, ma molto accidentata poiché particolarmente montagnosa.

In passato, vista la particolare conformazione della regione, si praticava la coltura dei cereali, dell’olivo e di un po’ di vite, ma l’economia era soprattutto basata sull’allevamento delle pecore e delle capre.

Oggi si cerca di favorire il rimboschimento (per ricreare le antiche foreste) e di sviluppare l’agricoltura utilizzando sistemi intensivi (su piccoli territori): il territorio non permette infatti l’uso dei macchinari previsti per un’agricoltura di tipo estensivo (su grandi terrori). Purtroppo l’acqua, nei periodi estivi scarseggia e ciò provoca parecchi problemi alla popolazione e l’impossibilità di sfruttare in modo adeguato le coltivazioni.

Nell’antichità, in Samaria sorsero alcune città importanti: Sichem (quasi al centro del Paese), Silo, Bethel e Samaria e Cesarea Marittima, costruita al tempo dei romani.

Gaza_WestBank_panorama[1]

Samaria fu per lungo tempo capitale del Regno del Nord e sul Monte Garizim, che sorge nei pressi della città, i samaritani (e cioè gli appartenenti alla setta religiosa in contrasto con il gruppo ebraico di Gerusalemme) compivano i loro sacrifici simili a quelli compiuti sul Monte Sion a Gerusalemme, nel Tempio Santo.

La setta dei samaritani sopravvive ancora ai nostri giorni e nella notte di Pasqua il sacerdote compie ancora ii sacrificio dell’agnello, mentre ciò non è più possibile agli altri ebrei che non posseggono più un tempio dove compiere il sacrificio.

In epoca moderna sono sorte, soprattutto sulla costa, molte città importanti: Tel Aviv che è stata la prima capitale amministrativa del moderno Stato di Israele, Natariya, Nabulus, che sorge proprio nei pressi dell’antica Samaria.

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetta Leggi di più