But which human biological evolution!

The dominant culture has placed the theme of the biological evolution of the human species on the pedestal of a great scientific truth in total contrast with faith. Let's imagine an ancestor of ours with extraordinary longevity. Instead of our hundred years, suppose it is capable of living ten thousand years. This fantastic property would allow him to observe what has happened in the world for ten thousand years to date. He could therefore study the peculiar way in which his fellow men have transformed over the various centuries. Would find, this fantastic ancestor of ours, not a few difficulties to understand what happens. And indeed, over the past ten thousand years – from the dawn of civilization to the present day – the biological evolution of the human species has done very little. Rather, absolutely nothing. Man is exactly as he was ten thousand years ago. Evolutionists say: “But this is obvious. We have always said and repeated that the typical times of human evolution are millions, tens of millions of years”. Evolutionists speak as if a million or ten million years were the result of a theoretical prediction linked to an equation. If the theory of evolution had a serious scientific basis, it should be able to predict the exact value of the times that characterize human evolution.

Proponents of the evolutionary theory of mankind have no idea how to lay its mathematical foundations. The theory of human evolution is not even at the level of the worst mathematical formulation of any theory of fundamental phenomena. Let's take for example the Quantum chromodynamics: the theory that describes the forces between quarks. It has a very precise mathematical apparatus and is able to predict many effects. However, we do not consider it a theory Galileanly verified in all its aspects. Many properties of its mathematical formulation are still poorly understood and many experimental tests have to be carried out. A comparison between this theory and the Theory of Biological Evolution of the human species is not even conceivable. Reason: the Biological Theory of the human species has no mathematical basis. Yet many arrive at the incredible presumption of classify it as an exact scientific theory, corroborated by experimental tests. question: what are the equations of this theory? Answer: they do not exist.

To better clarify the basis on which the evolutionary theory of the human species rests, it is good now to review the experimental results on which these theoretical speculations are based..

Let's just say that the Theory of Biological Evolution of the human species is not Galilean science. It claims to go far beyond the established facts. The hominoid family begins with the primitive monkey Dryopithecus, and splits into a branch (Pongidoe), leading to chimpanzees, to the gorillas, to orangutans. And in the other branch (Hominidae), which should lead to us, through the Homo Habilis sequence (stone Age), Standing man (age of fire), Homo sapiens neanderthalensis, Wisdom fine all'Homo, leading to us. However, this chain has many missing links and needs to resort to miraculous brain development. They arrived at Homo Sapiens Neanderthalensis with a brain of a higher volume than ours, the Theory of Biological Evolution of the human species tells us that, about forty thousand years ago. Homo Sapiens Neanderthalensis is inexplicably extinct. And finally appears, in an equally inexplicable way, about twenty thousand years ago, L'Homo sapiens sapiens. That is us. A theory with missing links, miraculous developments, unexplained extinctions, sudden disappearances is not Galilean science. It can, at most, be an interesting attempt to establish a direct temporal correlation between observations of obviously non-reproducible facts, objectively fragmentary and necessarily in need of further replicas…”.

Here are the three levels of scientific credibility, that will allow us to understand “to what level does the Theory of Biological Evolution of the human species belong.

The first level is that of reproducible tests: those who do not believe that the force is proportional to the acceleration could repeat Galilei's experiments. It would always find the same answer

The second level of credibility is when it is not possible to study reproducible events under direct control. Let's see it with an example. Different types of stars are observed in the cosmos. Introducing a theoretical model, those observations can be interpreted in such a way that a certain stellar phenomenon represents the example of how a star is born; another phenomenon, of how daughter-in-law. And so on. It is obvious that no one can tell: now I start all over again, to verify if it is really true that a star is born like this and evolves as expected. If any link is missing in stellar evolution, the only possibility is the search for something in the great cosmic laboratory on which man will never be able to intervene: the sky. But there is more. The models of stellar evolution could be with elements yet to be discovered. Just remember the discovery of the pulsating stars (pulsar). Before the discovery of pulsars, no one could have argued that this was a fundamental link in stellar evolution. In the sky there are several examples of stars being born and dying. Looking at identical examples of stellar evolution, it is as if the experiment were repeated. Without any possibility of direct intervention, as already mentioned.

Finally comes the third level: when a series of phenomena happens only once. This would be the case with the evolution of the human species, if there were no missing links and all the other difficulties listed above. The evolution of the human species has not yet reached the third level. If it were, it could rise to the second level of scientific credibility if, here on Earth, several times – as happens for stellar phenomena – it was possible to observe all those evolutionary phases that we summarized earlier. This is obviously impossible. The evolution of the human species therefore remains below the third level of scientific credibility. But that is not all. Indeed, in the evolutionary sequence we have already seen that there are missing links and not understood phenomena. The third level of scientific credibility belongs to those phenomena that have neither missing links nor mysterious points. This is why the theory that man is in the same family tree as the monkey is below the lowest level of scientific credibility.

in short, it is not Galilean science that claims to impose truths devoid of that rigor which it gave birth to, with Galilei, science... The man on the street is convinced that Charles R. Darwin proved our direct ancestry from the apes: for the dominant culture not to believe in the Evolutionary Theory of the human species is an act of grave obscurantism, comparable to stubbornly believing that it is the Sun that revolves around, with the Earth still at the center of the world. The exact opposite is true. The obscurantists are those who claim to make a theory without an elementary mathematical structure and without any Galilean-style experimental proof rise to the rank of scientific truth.. If the man of our times had a truly modern culture, he should know that evolutionary theory is not part of Galilean science. It is missing two pillars that allowed the great turning point of the sixteenth century: reproducibility and rigor.

in short, questioning the existence of God, on the basis of what evolutionists have discovered so far, it has nothing to do with science. With modern obscurantism, Yup.

Prof. Antonino Zichichi, internationally renowned nuclear physicist
 
You may also like
There are no comments
  1. Roberto45 dice

    La critica che il Prof. Antonino Zichichi everamente una delle piudisinformate.
    La matematica dell’evoluzionismo esiste infatti da un secolo esatto, visto che fu trovata indipendentemente nel 1908 da Godfrey Hardy e Wilhelm Weinberg, da cui il nome di ‘legge di Hardy e Weinbergcon cui e’ (o dovrebbe essere) conosciuta .
    Con buona pace di Zichichi si ritrovano cosimatematicamente le condizioni evolutive identificate empiricamente dai biologi, come si addice appunto a ogni buona teoria scientifica

    1. Roberto45 dice

      Roberto45:
      La critica del Prof. Antonino Zichichi e’ veramente una delle piu’ disinformate.
      La matematica dell’evoluzionismo esiste infatti da un secolo esatto, visto che fu trovata indipendentemente nel 1908 da Godfrey Hardy e Wilhelm Weinberg, da cui il nome di ‘legge di Hardy e Weinberg’ con cui e’ (o dovrebbe essere) conosciuta .
      Con buona pace di Zichichi si ritrovano cosi’ matematicamente le condizioni evolutive identificate empiricamente dai biologi, come si addice appunto a ogni buona teoria scientifica

  2. Davide Lumini dice

    E' quantomeno singolare che il Prof. Zichichi contesti la teoria evoluzionistica non riconoscendone la validità scientifica secondo il metodo di Galileo. E su ciò potrei, partly, essere d'accordo. Ma contrapporre per sillogismo a questa, la dottrina creazionistica, che per etimologica definizione, essendo appunto dottrina, è di stampo fideistico e quindi sottratto a qualsivoglia elemento dimostrativo (è così perchè lo ha detto qualcuno, anche se entità superiore) risulta appunto, a mio parere, singolare.

  3. marcomolina dice

    io credo in Dio e nella scienza…. anche se discendessimo direttamente dalle scimmie, chi le ha create? e prima chi ha creato la Terra? il Big Beng? e l'Universo?Pechè l'universo si dà la pena di esistere? sono domande che la scienza nn può spiegarela scienza ci dice COME sono avvenuti determinati precessi, la Bibbia ci dice CHI li ha attuati.
    gli scienziati sbagliano a negare l'esistenza di Dio e le Chiesa sbaglia a negare le teorie della scienza. io credo anche in altre forme di vita, indipendentemente dal loro grado di sviluppo. Non dobbiamo chiuderci e dobbiamo accettare che qualcos'altro può esiste, e non mi riferisco solo al classico allieno grigio, alto 1.30 m e dalla testa grande dei film di steven Spilberg=). Dio perchè deve aver crearo solo noi? ci saranno tantissime teorie sul PERCHé della nostra esistenza, quella vera è una sola e non penso che la scopriremo in questa vita.

    questà è la mia riflessione.

  4. ChristianFaith dice

    marcomolina, concordo con il tuo pensiero intelligente.

    E tu Davide, la DOTTRINA evoluzionista (parlo della macroevoluzione) non è nulla di piu che una dottrina, perche viene inculcata nelle menti della gente nella societa moderna nonostante non sia provata e abbia tanti "buchi" da tappare!

  5. Davide Lumini dice

    Gentile ChristianFaith,
    lasciando da parte il fatto che l'evoluzionismo sia una dottrina come tu affermi o una teoria probabile (che può, that is, essere provata o meno), la mia riflessione parte dal fatto che non si possono confrontare, come si dice, le pere con le mele (perdona la metafora); se il Prof. Zichichi, contesta la "teoria" evoluzionistica come non scientifica in quanto non rispondente alle caratteristiche del metodo scientifico (deve essere oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile), di cui una teoria deve essere parte, men che meno lo può essere una DOTTRINA come la fede, che essendo, just, fideistica, non può, per definizione stessa, appartenere al metodo scientifico. Con ciò non intendo dire che la dottrina ha meno dignità del metodo scientifico, è che i presupposti sono diversi: mentre la dottrina è un fatto puramente personale che coinvolge l'anima e non la ragione (una religione mi "impone" un dogma ed io individuo posso solo crederci o no), la scienza ha bisogno di fatti dimostrabili. Altrimenti succede, just, come a Galileo che per aver detto che era il sole a girare intorno alla terra, è stato, dalla Chiesa dell'epoca, sconfessato. Quindi il fatto che esistano in questo momento, cose per noi inspiegabili, non significa necessariamente che in un prossimo futuro la scienza non possa spiegarle. Sono quindi d'accordo con marcomolina. Non è detto che Darwin non avesse ragione e che Dio comunque esista e sia il principio. Probabilmente non sono esistiti Adamo ed Eva, ed io lo credo fermamente. Concludo questo mio sproloquio dicendo che se la Chiesa andasse oltre la pedissequa interpretazione della Bibbia e accettasse il fatto che fu scritta quando gli uomini avevano bisogno di una "architettura" del mondo che oggi mi sembra francamente superata, probabilmente si potrebbe arrivare ad una fede più vera e sinceramente più seguita.

    Con Cordialità.

    P.s. Non credi che, as you say, anche la DOTTRINA cristiana, venga "inculcata nelle menti della gente nella societa moderna nonostante non sia provata e abbia tanti "buchi" da tappare"?

  6. ChristianFaith dice

    No Davide, la VERA fede non può essere inculcata. E la mia è vera e cosciente! Infatti non sono cattolica, questo vale per il cattolicesimo che viene imposto nel nostro paese e nont i insegnano altro che le dottrine e i dogmi ecclesiali invece che la Bibbia. Io sono fedele per scelta e "chiamata interiore" e questo non dipende da me o dalla gente che me lo ha insegnato, but by God himself, che ringrazio infinitamente per essere un eletta, e questo accade a tutti i fedeli che lcoprono nel corso della loro vita. Fedeli non si nasce, ma si diventa. Questa è una cosa che chi non crede, quindi non toccato da Dio, as the Bible says, non può capire:

    For the preaching of the cross is madness for those who perish, but for us, that we are saved, it is the power of God; infatti sta scritto:
    «Io farò perire la sapienza dei saggi
    e annienterò l'intelligenza degli intelligenti».
    Dov'è il sapiente? Dov'è lo scriba? Dov'è il contestatore di questo secolo? Non ha forse Dio reso pazza la sapienza di questo mondo?
    Poiché il mondo non ha conosciuto Dio mediante la propria sapienza, è piaciuto a Dio, nella sua sapienza, di salvare i credenti con la pazzia della predicazione. (1Corinthians 1:18-21)

    Io sono stata educata in maniera cattolica, poi sono diventata atea sfegatata studiando e crescendo (a scuola in ambienti universitari dove TI INCULCANO l'evoluzionismo). Un giorno ho deciso di approfondire la Bibbia spinta da non so cosa, che credevo essere un mucchio di assurdità e ho scoperto la fede grazie a Dio che tramite essa mi ha parlato e mi ha illuminata su tutti i punti i quali alla gente di questo mondo sembrano assurdi, come ad esempio su Adamo e Eva ai quali non riuscivo a credere. Ora ci crede fermamente per deduzione logica e scientifica. La vita parte da un unico punto, da una stirpe comune, e questo lo dice anche la scienza. Poi la vita è nata nella mezza luna fertile, come dice anche la scienza. Guarda possiamo discuterne all'infinito ma parliamo due lingue differenti.
    Tu mi dici " non è perchè ora nonc apiamo le cose la scienza un giorno nnc i può arrivare" e io ti dico "Non è che ora perchè non capiamo le cose si possa escludere la creazione da parte di Dio!". Capisci il punto qual'è?
    Io non rinnego la scenza affermata, empirica e provata, come mai potrei? Ma non nego Dio nel qale credo fermamente! E sono convinta che non avremo mai tempo di scoprire scientificamente l'esistenza di Dio perchè altrimenti non sarebbe Dio, Lui cosi ha voluto. Dio lo si capisce per fede, che fede sarebbe se fosse provata?
    Finora scienza e Bibbia vanno di pari passo, le scoperte archeologiche, le fonti storiche, etc. Un giorno arriverà la fine perchè ci sarà il secondpo ritorno di Cristo a giudicare l'umanità incredula e chi non avrà accettato Lui perirà spiritualmente.

    Indeed, brothers, look at your vocation; there are not many wise men among you according to the flesh, nor many powerful, nor many nobles; ma Dio ha scelto le cose pazze del mondo PER SVERGOGNARE I SAPIENTI; God chose the weak things in the world to shame the strong ones; God chose the vile things of the world and the things despised, indeed the things that are not, to reduce to nothing the things that are, so that no one may boast before God. (1Corinthians 1:26-29)

    Ciao

  7. ChristianFaith dice

    E guarda, non sono diversa da te, ognuno di noi due crede fermamente in qualcosa: tu credi nella scienza umana fallibile che per te è infallibile (in quanto dici che l'uomo prima o poi scoprira il mistero della vita), ma basta guardare la storia per vedere quante volte le scoperte scientifiche siano state ritrattate. Credi nelle capacità intellettuali dell'uomo che si paragona a Dio e crede di poter scoprire prima o poi l'origine della vita. E a me questo fa sorridere perchè calza a pennello il verso biblico di prima. Ovviamente l'essere umano rimane essere umano. Mentre io credo in Dio, che per te è assurdità, ma per me è la spiegazione giusta. Nessuno ha mai potuto smentire l'esistenza di Dio, e nessuno lo farà mai (ecco perchè la macroevoluzione non potrà mai essere provata, perchè in realtà è falsa) e nessuno potrà mai affermare l'esistenza di Dio, perchè appunto è DIO. E nessuno ha mai potuto smentire la validità storica della Bibbia, dire che narra avvenimenti falsi e cose scientificamente false. Rather! Non riportarmi gli errori storici dei maccabei o libri altri apocrifi palesemente non ispirati, che accettano i cattolici, io sono protestante.

    Come vedi siamo sulla stessa barca: tu hai fede nell'essere umano io in Dio. L'importante è credere in qualcosa.

  8. Davide Lumini dice

    Aridaje…

    Io non contesto la tua fede ed il fatto di aver finalmente visto la Luce, anzi sono felice per te! Ma se mi citi le Scritture e basta, senza rispondere nel merito della mia riflessione (ti ricordo: “teoria/dottrina evoluzionistica” contro “ dottrina/teoria creazionista”, era questo l’oggetto del contendere) mi fai pensare che stai cercando di deviare l’attenzione dal nodo principale: La Fede è una cosa dimostrabile e quindi scientifica o no?

    No! Non è dimostrabile, E’ Fideistica.

    A questo punto, a parte citare le Scritture (non ho voglia, dato che ho avuto un percorso inverso al tuo vivendo una profonda crisi spirituale che mi ha portato a valutare con diverso occhio quello che mi veniva “imposto” dalla DOTTRINA cristiana, and therefore, di Sacre Scritture, a bit', me ne intendo), dovresti darmi qualcosa di più che qualche passo tratto dalla Bibbia (tradotta poi). Tu che hai studiato Lingue & Letteratura Straniera, dovresti più d’ogni altro sapere che durante la traduzione, si perdono e si travisano molto spesso i concetti, e noi la stiamo, Moreover, valutando in Italiano! (per chi non lo sapesse: and receive 39 libri della Bibbia furono scritti in ebraico e aramaico. Gli altri 27 libri furono scritti in greco, lingua comune ai giorni di Gesù e dei suoi primi seguaci. Queste due suddivisioni principali della Bibbia sono giustamente chiamate l’una Scritture Ebraiche e l’altra Scritture Greche).

    Apprezzo la tua “verve”, ma sono dell’opinione che prendere ed applicare pedissequamente un prodotto confezionato come la Bibbia per altri tempi, quando le esigenze erano diverse (esempio sciocco: differenziazione tra animali mondi ed immondi – la carne di maiale, al caldo, fa male (Leviticus 11). A proposito tu la mangi?), sia molto limitante allo sviluppo del pensiero ed alla sua evoluzione, e ci allontani, pensa un po’, da Dio che ci ha creato liberi e scienti.

    To sum up: contesto fermamente il fatto che Bibbia e Scienza vadano di pari passo, sono cose che attengono a sfere completamente diverse della psiche umana, Anima e Ragione. L’una non può e non deve sostituire l’altra e quando qualcuno utilizza strumentalmente l’una per prevaricare l’altra, penso non faccia un bel servizio all’umanità.

    Ti cito Spinoza (si lo so, è stato scomunicato, come Galileo del resto):

    “Siamo giunti così ad una dimostrazione dell'esistenza di Dio che è l'unica veramente valida, da un certo punto di vista, di tutta la storia della filosofia. Si può con Spinoza dire di credere in Dio non per fede e neppure per ragione ma per intuizione.
    Ma quando diciamo che con l'intuizione noi riusciamo a capire la soluzione di un problema di matematica ciò non significa che l'intuizione ci porti con certezza al giusto risultato del problema. Per avere questa certezza noi dovremo eseguire tutti i passaggi per dimostrare la verità della soluzione. Soltanto attraverso la dimostrazione razionale , mediata, per passaggi successivi si può arrivare alla certezza della soluzione del problema.
    L'intuizione non ci dà la garanzia della verità; ci vorrà sempre l'uso della ragione per arrivare ad esser certi della soluzione intuitiva.” (Fonte Wikipedia per comodità e sono d’accordo)

    Concludo: Non sono (scientificamente) CERTO della esistenza di Dio. Lo posso soltanto intuire ed eventualmente, come te, avere Fede. Pertanto lo continuo a cercare non certo nella ragione delle conferme scientifiche ma nell’intuizione della mia anima.

    Dato che (sempre Spinoza):

    “L'uomo ha lo strumento della ragione per capire ma questo è un strumento di mediazione, cioè la ragione funziona per passaggi successivi. Se noi usassimo la ragione per arrivare a quella cima della piramide che si perde all'infinito, dovendo attenerci a un gradino dopo l'altro, non arriveremmo mai alla meta poiché Dio, la sostanza divina, è infinita.“

    E questo, Bibbia o no, non fa nà piega…

    Saluti sempre cordiali.

  9. Davide Lumini dice

    Ho postato la mia risposta dopo il tuo ultimo commento. Credo che la mia risponda anche a questo.

    Mi pare che tu stia sbagliando bersaglio. Io non credo nell'uomo e tu in Dio. Non è questo il punto. Il punto, I repeat, è che se decidi di prendere per oro colato ciò che è scritto nella Bibbia non puoi giustificarlo con la scienza, which is , a mio parere, un'altra cosa.

  10. ChristianFaith dice

    Sì io ti ho capito, ma la pensiamo diversamente. Non c'è da discutere sui nostri pensieri perchè partiamo da due concetti del tutto differenti. Quindi io rispetto il to punto di vista e tu il mio 🙂
    cordiali saluti anche a te

Leave a reply

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read more