Chi sono i Cristiani Evangelici?

evangelicals[1]Detto a molti che credono che siano una sorta di Testimoni di Geova o persone non cristiane, dico che gli Evangelici invece sono i cristiani puri, quelli delle origini, quelli che predicano l’Evangelo e la Parola di Dio così come essa si presenta senza apportare modifiche alla Bibbia, senza togliere o aggiungere nulla. Non hanno riti e tradizioni, così come non li avevano i 12 apostoli di Gesù: questi sono gli Evangelici! Non seguono la tradizione inventata dagli uomini nel corso dei millenni, come unica guida non hanno un papa o un sacerdote, bensì Dio, Cristo, e la Parola che ci ha lasciato, che è l’unica cosa attendibile che abbiamo da seguire

Sono protestanti, forse questa parola risulta più chiara, il che non vuol dire che protestano contro la Chiesa Cattolica, ma protestante sta per “pro-testo” –> a favore del testo (della Bibbia).
Per rispondere anche a qualche cattolico che pensa che l’Antico Testamento sia una favoletta e solo il Vangelo è la vera Parola di Dio, beh dico, facile dire questo, che senso ha credere solo ad una parte della Bibbia? Se si accetta il Nuovo Testamento si deve accettare anche il Vecchio, se no non si è cristiani. La Parola è unica non si può dividire. Nell’Antico Testamento non ancora c’era la venuta di Cristo Salvatore, che si è manifestato in carne ed ossa e ha vissuto tra i mortali, per questo si crede solo al Nuovo Testamento?? E che dire dell’Antico Testamento dove i profeti, ispirati da Dio, ai quali Dio parlava o per visioni o sentivano proprio la sua voce, avevano profetizzato 300 anni prima di Cristo la sua futura venuta? Avevano predetto che sarebbe arrivato un Salvatore e sarebbe stato crocefisso??

Io dico che bisogna guardare la Parola nella sua integrità, perchè Dio ha un piano, un programma e ci fa sapere tutto, ecco perchè credo nell’Apocalisse, nella fine del mondo, quando tutti saranno giudicati, e solo i fedeli a Dio saranno salvati.

Fratelli, questa è la Parola di Dio, non sono chiacchiere: i cattolici dicono che non ci sarà un’Apocalisse, ma lo interpretano in altro modo: ossia l’Apocalisse per ogni uomo è quello che avviene quando egli muore singolarmente e viene giudicato, in questo senso che senso avrebbe tutto questo? Che senso avrebbe il piano divino? C’è sempre un inizio e una fine in ogni cosa, così anche per l’umanità, e la Bibbia si conclude proprio con l’Apocalisse. Poi il prete mi diceva che verranno salvati tutti, tutti ma proprio tutti, anche gli atei, anche i non fedeli, anche gli assassini!!! No, non è così, gli ho detto, non ha senso tutto questo, tutti veniamo salvati??? Allora ora mi metto ad uccidere la gente, tanto verrò salvata… allora mi abbandono alla lussuria, tanto verrò salvata, allora decido di essere atea che è più semplice!!! E no… ma cosa ci insegnano in Chiesa?? Hanno cambiato la Parola di Dio: il Signore è chiaro su questa cosa: solo chi avrà fede in lui e seguirà i suoi comandamenti avrà la salvezza! La salvezza è solo per mezzo della fede.

Tratto dall’articolo di P. Bolognesi

Chi sono i cristiani evangelici? La domanda è legittima. Il nome rischia oggi di essere portatore di equivoci. È quindi necessario definire cosa s’intenda con “evangelici”.

Essere evangelici

Il termine “evangelici” non è stata una scelta voluta, esso ci è stato affibbiato da altri. Purtuttavia ci sta bene se si vuole mantenere la radice del suo significato. Evangelico proviene dal termine Evangelo (o Vangelo) che significa “buona notizia”, la buona notizia di Gesù Cristo. In effetti noi crediamo di doverci riferire al Vangelo ed alla Bibbia come alla somma autorità per la nostra fede e condotta. Essa è assolutamente centrale. L’uomo saprebbe molto poco su Dio e su se stesso se Dio non avesse parlato e non si fosse rivelato nella Sua Parola. Il Dio che emerge dalle pagine della Bibbia non è un Dio indifferente, immobile e muto, ma il Dio che parla.

Per questo la Bibbia è importante, anzi, essenziale per la vita di chiunque. La sua centralità significa prima di tutto che la Bibbia è il mezzo particolare attraverso il quale Dio comunica la sua verità all’uomo. Senza di essa ci sarebbe molta incertezza, ma per mezzo suo vi può essere la luce e la certezza. Poiché Dio ha rivolto all’uomo il suo messaggio, quest’ultimo può sperare, essere liberato e salvato.

In questo senso essere evangelici significa essere coerenti con l’affermazione di Dio come Signore, come Colui che ha parlato nella sua Parola e che attraverso di essa può liberare l’uomo da tutte le sue illusioni rivolgendogli una parola certa per la sua salvezza. Se la Bibbia è il mezzo attraverso il quale Dio comunica la sua verità all’uomo, allora ogni uomo ha la libertà d’accostarsi ad essa. Il potere e la chiarezza della Parola di Dio è tale da non aver bisogno d’altro sostegno che la sua stessa forza. Lo Spirito Santo è capace di rendere efficace la Scrittura nel cuore delle persone.

Per questo si parla anche di “sacerdozio universale” dei credenti. Nel senso che ciascun uomo, il più potente come il più umile, il più ricco come il più povero sono posti, nel loro rapporto con Dio, su di uno stesso piano. E se tutti sono liberi d’accostarsi alla Parola di Dio, tutti sono “sacerdoti”. Non c’è bisogno di mediatori umani tra Dio e gli uomini, ma tutti sono fratelli.

Le chiese evangeliche non si riuniscono attorno a degli uomini che pure possono avere dei doni particolari da Dio, ma sono riunite da e attorno alla Parola di Dio.

Essere cristiani

Anche su questo termine ci sono troppi luoghi comuni. Con il termine “cristiani” si deve però intendere coloro i quali, come dice la Bibbia seguivano Gesù Cristo e si erano dati a Lui (Atti 11,26). In questo senso si deve pensare agli apostoli, ai discepoli, ai primi convertiti della Pentecoste, a quelli di Gerusalemme, Antiochia, Corinto, ecc. Si pensa a tutti coloro che nel tempo hanno subito scherni, flagelli, catene, lapidazioni, martirii, poiché “di loro il mondo non era degno”. Si pensa agli innumerevoli roghi accesi e a tutti coloro che ancora oggi soffrono a causa del nome che portano, quello di cristiani. Oggi, soprattutto nel nostro mondo, non è sempre così. Ci si può chiedere però cosa potevano credere per giungere fino a quelle estreme conseguenze con la certezza di non essere degli illusi.

Noi cristiani crediamo che Gesù sia il solo Signore. Siamo fermamente convinti dalla Parola di Dio, che al di fuori di Lui non sia possibile essere salvati “perché non v’è sotto al cielo alcun altro nome per il quale si abbia ad essere salvati” (Atti 4,12). Gesù è per noi il solo Mediatore tra Dio e gli uomini (1 Timoteo 2,5), perciò non c’è bisogno di alcun altro che faccia da tramite tra Dio e gli uomini. Dio è al di sopra di tutti e di tutto e a Lui solo deve andare la gloria.

Forse ci si può chiedere perché si ritiene di aver bisogno d’un Salvatore. Senz’altro perché in quanto esseri umani riconosciamo la nostra totale incapacità nel realizzare il bene secondo Dio. Dinanzi al Dio santo della Bibbia, ciò che l’uomo può realizzare di meglio non è altro che un “abito sporco”. Ciò che la Bibbia chiama peccato non è una generica tendenza o determinazione casuale, non è solo lo stato di penosa incertezza, esso è iniquità e perversione del cuore. Qualcosa che attinge alla più intima essenza del nostro essere e che dinanzi alla santità di Dio è immondo. Per scalzare questa corruzione non è in alcun modo possibile affidarsi a pratiche religiose (digiuni, pellegrinaggi, sofferenze o altro). Questo è ciò che propongono tutte le diverse religioni. Questa è la nevrosi di una falsa salvezza che cresce sul terreno delle illusioni umane. Tutti i sistemi umani dicono: “Tu devi fare”. Tutti impongono all’uomo certe richieste che in definitiva egli non può realizzare. Cristo è invece venuto ad annunciare qualcosa di assolutamente diverso, un’autentica buona notizia: “Tu non devi meritarti nulla, io ho compiuto tutto. Tu non devi salvarti, io ti ho salvato. Tu non devi giungere ad un certo livello di giustizia, io sono la tua giustizia. Tu non devi espiare i tuoi peccati, io li ho espiati”.

Tutto è compiuto

Come può essere realmente vissuta una tale prospettiva? Soltanto per fede: fede come riconoscimento e accettazione dell’opera della grazia che dice: “Tutto è compiuto!” (Giovanni 19,30). Sotto il cupo cielo della condizione umana Dio lascia trapelare la luce della speranza. Gesù disse: “Venite a me voi tutti che siete travagliati ed aggravati, e io vi darò riposo” (Matteo 11,28). “Io sono la luce del mondo, chi mi segue non camminerà nelle tenebre, anzi avrà la luce della vita” (Giovanni 8,12). Qui non si tratta di migliorare, ma di cambiare radicalmente, di “nascere di nuovo“; non si tratta d’aggiornarsi, ma di convertirsi. Senza Dio anche il progresso non è che decadenza, poiché ogni miglioramento ci pone nuovamente in presenza della nostra derisoria insufficienza e della nostra minacciosa finitudine.

Alle persone sconvolte dalle esigenze assolute di Dio, il Vangelo di Cristo annuncia un perdono totale e quindi la pace. La sua opera è completa ed irripetibile, la sua luce sufficientemente luminosa per far impallidire tutto ciò che è umano e smascherare le meschine illusioni della nostra povertà. La grazia è ciò che non si merita! Forse tanti la stanno cercando da tanto tempo senza rendersi conto che è un dono libero e sovrano di Dio che ama e chiama per nome. Poiché non è un diritto, né qualcosa d’obbligato, essa può essere accolta solo per fede, ma anche con la riconoscenza più completa. “Chi crede nel Figliuolo ha la vita eterna”. La salvezza è un dono di Dio che vale per l’eternità. E quando la si è conosciuta la si può confessare davanti agli uomini per la gloria di Dio.

In cosa consiste il culto degli evangelici?

Noi non abbiamo la “messa” cattolica, intesa come ripetizione del sacrificio di Cristo, perché crediamo che Gesù Cristo ha offerto sé stesso come “unico sacrificio per i peccati” di coloro che credono (leggi nella Bibbia in Ebrei 10:12 e Romani 6:9-10), e che “questo Egli l’ha fatto una volta per sempre quando ha offerto sé stesso” (Ebrei 7:25-27; 9:22-28).
Ci riuniamo insieme per offrire al Signore la nostra adorazione, con le lodi, i cantici, le preghiere e le testimonianze, offerte a Lui nella semplicità, e meditiamo la Parola di Dio.

Perché i cristiani evangelici credono in Cristo ma non nella Chiesa?

Noi crediamo sia in Cristo che nella Chiesa! La differenza con i cattolici è nel concetto di Chiesa: loro credono che la Chiesa sia quella di Roma, e che fuori di essa vi sia salvezza. Le altre chiese storiche, come ad esempio quella ortodossa, non riconoscono la presunta supremazia del vescovo di Roma.

Noi evangelici crediamo che “la” Chiesa sia soltanto la Chiesa Cristiana, cioè l’insieme di tutti i cristiani del mondo che credono in Gesù Cristo come loro Salvatore. In questo senso, la Chiesa Cristiana è detta universale (o “cattolica”) ed è anche chiamata nella Bibbia “il corpo di Cristo”, cioè l’insieme di noi cristiani, con a capo soltanto il Signore.

Quali sacramenti avete? Avete dei sacerdoti?

Abbiamo i sacramenti previsti dalla Bibbia:

1) Il battesimo in acqua (eseguito secondo l’esempio dei Vangeli).
2) La santa cena.
3) La confessione privata a Dio, o anche pubblica per chi lo vuole.
4) Il matrimonio.
5) L’unzione degli infermi.
Non abbiamo l’ordine sacro, perché non è previsto dalla Bibbia, secondo la quale tutti i cristiani sono santi e sono sacerdoti del Signore per offrire a Lui il sacrificio della nostra lode mediante Gesù Cristo (vedi 1 Pietro 2:5 e Apoc. 1:5-6; vedi anche qui).

http://camcris.altervista.org

Potrebbe piacerti anche
6 Commenti
  1. Anonymous dice

    è davvero un bel blog!!

    complimento fratelli e che cristo sia con voi

    2Corinzi 10:16
    per poter evangelizzare anche i paesi che sono di là dal vostro senza vantarci, nel campo altrui, di cose già preparate.

    Luchino rumoreggiato

  2. rebecca dice

    Oggi ho letto il messaggio di un ragazzo il quale pur non essendo mai entrato a far parte della congregazione dei TDG ne legge spesso le pubblicazioni e molti punti li condidivide e molti no, anch’io come quel ragazzo conosco molti TDG, e li conosco da 50 anni ma non sono mai entratata nella loro congregazione ma nutro per loro il massimo rispetto. Questo ragazzo anche se si esprimeva in un italiano un po’ stentato in quanto straniero ha detto molto chiaramente che piuttosto che delinqunti o altro meglio sarebbe che ci fossero più protestanti o più cattolici o più TDG voi siete stati a pare mio molto offensivi dicendo che i TDG VIVONO IN UN MOMDO DI IPOCRISIA, MA COME VI PERMETTETE DI OFFENDERE LE PERSONE DAL MOMENTO CHE CHE VI RACCOMANDATE DI ESSERE EDUCATI NELLO SCRIVERE, BEH EDUCATE PRIMA VOI STESSI

    1. ChristianFaith dice

      rebecca,

      Ma che problemi hai? DI cosa stai parlando? Dove hai letto questo e poi che c’entra questo post con i testimoni di geova? Che vivono in un mondo di ipocrisia è vero comunque, guarda quanti divieti hanno. Io ne conosco tanti che sono anche bugiardi, fanno cose di facciata e sono grandissimi paraculi (e scusa il termine ma mi viene spontaneo). Poi ci saranno anche quelli ok, come in tutte le confessioni, in tutte le filosofie, per carità, ma questo non c’entra nulla con l’educazione e la maleducazione. Ti consiglio di leggere meglio tra le righe senza saltare a conclusione affrettate.

  3. Alessio Rando dice

    Caro Roby, leggi la Bibbia? Nella Bibbia c’è scrito chiaramente che Satana SI TRAVESTE DA ANGRLO DI LUCE!!! Ho lo metti in dubbio? Chi sei tu per elevarti al di sopra di Dio e della Bibbia, che è la sua parola scritta? Leggi la Bibbia! tu sei molto vicino ad accettre Gesù Cristo come Salvatore è la Verità, che è Cristo stesso come egli stesso ha detto!

  4. Nicodem dice

    Ciao ChristianFaith!
    E’ bello aver trovato per caso il tuo blog. …e la tua passione per la Sacra Scrittura.
    Un saluto nel Signore!
    Nicodem

  5. Andrea dice

    Ciao, ho trovato per caso il tuo blog e mi fa piacere vedere che ci sono altri blog cristiani italiani online. Che Dio ti benedica e che lo Spirito Santo ti guidi sempre in tutta la verità e alla Sua fantastica presenza.

    GBY
    Andrea

Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetta Leggi di più