I Concili Ecumenici

Il concilio ecumenico è una conferenza dei vescovi di tutta la Chiesa cristiana convocato per discutere e risolvere le questioni di dottrina della Chiesa. La parola deriva dalla lingua greca “Οικουμένη“, che significa letteralmente “il mondo abitato”, per primo sottoposto all’Impero romano e successivamente esteso ad applicarsi al mondo in generale.

A causa degli scismi, l’accettazione di questi consigli è molto variabile tra i diversi rami del cristianesimo. Le chiese si separarono mano mano nel tempo quando non erano d’accordo con le dottrine formulate nei vari concili. La Chiesa d’Oriente accetta solo i primi tre concili. Prima dello Scisma tra Occidente e Orientale Chiese si sono tenuti i primi otto concili ecumenici (dal 4 al 9 ° secolo D.C). Essi accettano come ecumenici i primi sette, ma differiscono per l’identità dell’ottavo. Mentre la Chiesa cristiana ortodossa non accetta generalmente gli altri sinodi ecumenici dopo il settimo e l’ottavo, il Chiesa cattolica continua a detenere Concili Ecumenici per quei vescovi in piena comunione con il Papa.

Anglicani e Luterani accettano solo i primi quattro concili ecumenici: il Primo Concilio di Nicea il Primo Concilio di Costantinopoli, il Concilio di Efeso e il Concilio di Calcedonia. Le chiese Riformate (Calviniste) accettano soltanto i primi due: il Primo Concilio di Nicea e il Primo Concilio di Costantinopoli.

Il Concilio di Gerusalemme è riconosciuto da tutte le chiese cristiane, tranne quelle antitrinitarie.

Elenco dei Concili ecumenici

Concilio di Gerusalemme

In Atti degli apostoli si registra il Concilio di Gerusalemme, che ha affrontato la tensione tra il mantenimento pratiche ebraiche nel paleocristiano comunità con Cristiano convertiti. Anche se le sue decisioni vengono accettate da tutti i cristiani e poi le definizioni di un concilio ecumenico appare conforme a questa unica biblico Consiglio, non chiesa cristiana chiama un concilio ecumenico semplice, ma il “concilio apostolico” o “concilio di Gerusalemme”.

nicea[1]

I primi sette concili ecumenici

  • Primo Concilio di Nicea (325) convocato dall’imperatore Costantino I, ripudiò l’Arianesimo e dichiarò che Cristo è “della stessa sostanza del Padre”, fissò la data della Pasqua; dichiarò la dottrina della Trinità; riconobbe il primato delle sedi di Roma, Alessandria e Antiochia e concesse a Gerusalemme una posizione d’onore. Confermò il Credo Niceano.
  • Primo Concilio di Costantinopoli (381) convocato da Teodosio I, ripudiò l’Arianesimo e Macedonianismo e dichiarò che Cristo è “nato dal Padre prima di tutti i tempi”, affermò il ruolo dello Spirito Santo, ripudiò il Pelagianesimo e ribadì il Credo Niceano.
    Questo e tutti i consigli che seguono non sono riconosciuti dalla Chiesa assira d’Oriente e dalle Chiese Protestanti..
  • Concilio di Efeso (449) proclamò la Vergine Maria come Theotokos (“Madre di Dio”), ripudiò il Pelagianesimo e il Nestorianesimo, dichiarò eretici coloro che non riconoscevano la dottrina del Theotokos.
    Anche se inizialmente fu convocato come Concilio Ecumenico, questo consiglio non è riconosciuto come tale da molte chiese cristiane.
  • Concilio di Calcedonia (451) ripudiò la dottrina del monofisismo, adottò il Credo di Calcedonia, affermò le due nature in Cristo, l’umana e la divina. Elevò le diocesi di Costantinopoli e Gerusalemme al rango di Patriarcato. Questo è anche l’ultimo consiglio esplicitamente riconosciuto dalla Comunione Anglicana.

Questo e tutti i consigli che seguono sono respinti dalla Ortodossia Orientale e dalla Chiese Anglicane e Luterane.

  • Secondo Concilio di Costantinopoli (553) confermò delle dottrine accettate nei precedenti concili, condannò di nuovi testi ariani, nestoriani e monofisiti, promulgò la formula Theopaschite.
  • Terzo Concilio di Costantinopoli (680-681) condannò il monotelismo e affermò che Cristo possiede volontà umana e divina;
    Lo stato ecumenico di questo Consiglio è stato ripudiato dalle chiese occidentali.
  • Secondo Concilio di Nicea (787) ripristinò la venerazione delle icone (condannata dal Concilio di Costantinopoli V, 754).
    Questo consiglio è rifiutato da alcune denominazioni protestanti, che condannano la venerazione delle icone.

Concili della chiesa cattolica romana

  • IV Concilio di Costantinopoli (869-870) dispose la deposizione del patriarca Fozio di Costantinopoli, atto non riconosciuto dalle Chiese orientali.
    Oggi, questo Consiglio è accettato dalla Chiesa cattolica ma è respinto dal Consiglio della Chiesa cristiana Ortodossa.
  • Primo Concilio del Laterano (1123) convocato da Papa Callisto II fu il primo a svolgersi in Occidente. Proibì nel modo più assoluto ai sacerdoti, diaconi, suddiaconi di vivere con le concubine o con le mogli e di coabitare con donne diverse da quelle con cui il concilio di Nicea (can. 3): la madre, la sorella, la zia paterna o materna. Difese la salvaguardia delle famiglie e delle proprietà dei crociati. Dichiarò che i beni e le ricchezze della Chiesa dovessero essere soltanto degli ecclesiastici e non die laici.
  • Secondo Concilio del Laterano (1139) ribadì il Primo Concilio Laterano e la disciplina clericale (abbigliamento e celibato degli ecclesiastici).
  • Terzo Concilio del Laterano (1179) limitò all’elezione papale solo i cardinali, condannò la simonìa, e introdusse l’età minima per l’ordinazione (trenta anni per i vescovi).
  • IV Concilio del Laterano (1215) definì la dottrina della transustanziazione, riaffermò il primato del papa e la disciplina del clero.
  • Primo Concilio di Lione (1245) convocato da Papa Innocenzo IV , depose l’imperatore Federico II (rottura tra Impero e Papato) e istituì un contributo a sostegno della Terra Santa.
  • Secondo Concilio di Lione (1274) approvò gli ordini Francescani e Domenicani, introdusse la decima per sostenere le crociate, e affermò le procedure del conclave.
  • Concilio di Vienna (1311-1312) sciolse l’Ordine dei Cavalieri Templari. Discusse del problema delle eresie e degli eretici.
    • Concilio di Pisa (1409) tentò di risolvere il problema della divisione portata dal Grande scisma d’Occidente
      Il Consiglio non è numerato perché non è stato convocato da un papa e il suo esito è stato ripudiato a Costanza.
  • Concilio di Costanza (1414-1418) risolse il problema del Grande scisma d’Occidente e condannò Jan Hus.
    • Comune di Siena (1423-1424) affrontò il problema della riforma della chiesa.
      Non numerato. Fu rapidamente sciolto.
  • Concilio di Basilea, Ferrara e Firenze (1431-1445) affrontò il tema della riforma della chiesa e il ricongiungimento con le Chiese orientali, ma si divise in due parti. I padri di Basilea rimanendo a Basilea. I padri di Firenze realizzarono l’unione con varie Chiese orientali e temporaneamente con la Chiesa cristiana ortodossa.
  • Consiglio Lateranense V (1512-1514) affrontò il tema della riforma della chiesa.
  • Concilio di Trento (1545-1563, con interruzioni) affrontò il tema della riforma della chiesa e ripudiò il Protestantesimo, ridefinì il canone della Scrittura introducendo i libri deuterocanonici, e ristabilì i sette sacramenti. Introdusse la Bibbia nell’Indice dei Libri Proibiti e rafforzò la disciplina del clero e l’istruzione.
    Anche se temporaneamente presenti anche delegati protestanti, questo e i consigli che seguono sono respinti dai protestanti.

  • Primo Concilio del Vaticano (1870, ufficialmente, 1870-1960) fu indetta ufficialmente dal papa Pio IXdefinì il primato del papa nella chiesa e la sua infallibilità, ripudiò le correnti filosofiche dell razionalismo, il materialismo e l’ateismo. Reinterpretò la Scrittura e il rapporto tra fede e ragione.
    Questo ed i consigli che seguono sono respinti dalla Vecchia Chiesa cattolica.
  • Secondo Concilio del Vaticano (1962-1965) affrontò le questioni pastorali e disciplinari nella Chiesa e il suo rapporto con il mondo moderno, tra cui liturgia e ecumenismo.

Le Chiese Anti-Trinitarie: non accettano nessuna Concilio

Né i primi concili né i successivi sono riconosciuti dalle chiese antitrinitarie: Unitari, Santi degli Ultimi Giorni, detti Mormoni, e i Testimoni di Geova, Ecc. La leadership di alcuni gruppi, come i Testimoni di Geova e i Mormoni rivendica l’autorità divina di condurre la Chiesa di oggi e vede nei concili ecumenici dei fuorvianti tentativi dell’uomo di stabilire la dottrina divina.

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetta Leggi di più